Chi siamo

La Nuova Compagnia Teatro Città di Terni, recentemente trasformatasi in Associazione di Promozione Sociale, è da molti anni impegnata sia a livello locale che nazionale in attività che si prefiggono la conoscenza, la valorizzazione e la promozione del dialetto e della cultura ternani.

La “Nuova Compagnia” prosegue in pratica la tradizione del teatro ternano iniziata nel novecento dalle famiglie Quaglia, Furiani e Taviani, da Valli, Baiocco, Spaccatini, Morelli e Freddi.

Nonostante i nomi delle Compagnie siano cambiati nel corso degli anni, furono gli stessi personaggi a portare avanti il patrimonio culturale e teatrale ternano.

La “Nuova Compagnia” ben rappresenta il territorio ternano e, proprio per questo, ha incontrato un ampio consenso tra i concittadini e gode di importanti apprezzamenti per il contributo costruttivo artistico, sociale ed educativo e per le molteplici iniziative culturali e benefiche di cui si fa abitualmente promotrice.

La Compagnia ha rappresentato le proprie commedie anche al di fuori dell’ambito cittadino e regionale (Marche, Abruzzo, Trentino Alto Adige) ottenendo anche in questo caso molti riconoscimenti e attestati di stima. Tutto questo va a comprovare la facilità di comprensione del nostro dialetto, accessibile – per l’appunto – a tutto il territorio italiano.

Il repertorio della Compagnia consta di commedie brillanti e commedie musicali.

La Direzione artistica predilige rappresentare componimenti teatrali di autori locali, portavoci indiscussi dei nostri costumi e del nostro sapere.

I principali lavori teatrali sono qui di seguito elencati.

Permalink link a questo articolo: http://www.nuovoteatroterni.it/chi-siamo/

Personaggi che hanno fatto la storia

SILVANO LOCCI Silvano Locci, nato a Terni nel 1938, con trascorsi nella Compagnia “Li Bardasci Ternani” andò a recitare con Taviani nella “Brigata Sperimentale” e si incontrò con gli attori del Piccolo Teatro Città di Terni Valli, Faina e Bizzarri. In quel contesto si crearono i presupposti per riattivare il “Piccolo Teatro” che si era …